Cronache

L’ultima Quaresima (?)

Come ho detto nell’ultimo articolo, ogni circostanza del materiale trova origine e causa nel campo dello spirituale, e questo perché Dio non ritira i Suoi doni: Egli ha assoggettato la Sua Creazione all’uomo, e questi, pur dopo la caduta originale, mantiene ancora il primato sul Creato che lo ospita, e che con lui e a causa sua, patisce e geme come nelle doglie del parto, in attesa della trasfigurazione finale, per dirla con San Paolo (Cfr. Romani 8,19-22).

E questo ha una sua logica, perché quando l’uomo, nell’esercizio della sua libertà di servire Dio o mammona, si allontana da Colui che è il sommo bene, non può che finire nell’abbraccio di colui che è la personificazione di ogni male, il quale subito comincia a vantare davanti al Creatore presunti diritti sulla Sua creatura e, conseguentemente, l’esercizio di una maggiore libertà d’azione su quel mondo del quale, proprio a causa del peccato originale, è divenuto principe.

E siccome il male produce male, quando l’uomo, con la sua sottomissione al maligno, gli guadagna un maggior potere, ecco che il male prolifera, appestando gli animi e i corpi, e tutta la Creazione.

Detto questo, si comprende bene come l’azione del maligno si concentri maggiormente proprio laddove si trova il centro della spiritualità, ossia la Chiesa, ed anche geograficamente la sua premura di corruzione si accanisce nel luogo dove la Chiesa ha il suo capoluogo: l’Italia.

Poiché ogni vittoria ottenuta dal demonio sulla Chiesa e su Roma è ragione di maggior vanto per lui.

Ecco perché ogni conquista alla causa del male strappata nel nostro paese ha valenza escatologica e peso universale: ciò che succede a Roma ha conseguenze globali, per il bene o per il male.

Ecco perché ogni legge mortifera che viene promulgata in Italia conta come il sigillo definitivo di una vittoria universale del principe di questo mondo sull’uomo e, di conseguenza, sul Creato.

Ecco perché gli anticristi liberali si son sempre rammaricati che le loro proposte mortifere nel nostro paese non avrebbero mai visto la luce della norma finché in Italia ci fosse stato il Vaticano.

Come se la presenza del pontificato tutelasse in qualche modo la nostra nazione: una sorta di baluardo mistico contro la corruzione della spiritualità, e di conseguenza tutela di ogni circostanza materiale.

D’altronde ce l’ha spiegato Lui che gli inferi avrebbero sempre premuto sulle porte di quella Chiesa che poggia sul ministero romano di Cefa (Cfr. Matteo 16,18), poiché il “potere delle chiavi” pare in un certo senso estendersi oltre il ristretto ambito del personale abbracciando invero quello universale, come se ciò che venisse approvato in questa nazione prediletta dovesse assumere un carattere globale, e viceversa, ciò che venisse impedito qui, ostacolasse la vittoria definitiva per il nemico.

Questo almeno fino a quando non sarebbe stato tolto quel famigerato “Katechon”, quel “colui” che come un freno impedisce la piena manifestazione del mistero d’iniquità (Cfr. Seconda Tessalonicesi 2,7) e che ora, per la vorticosa devastazione morale in atto anche nel nostro paese, pare proprio essere stato tolto (per un approfondimento leggi il Katechon).

Questo è un fatto.

Visto che oggi assistiamo al trionfo dell’antiumanesimo proprio nella nostra nazione, ultimo bastione crollato sotto i colpi di una legislazione mortifera cominciata con lo sdoganamento normativo del divorzio, dell’aborto, delle unioni sodomite e dell’ormai prossimo suicidio legalizzato.

E come detto all’inizio, questa devastazione spirituale lascerà il segno anche nell’ambito del materiale, proprio come già affermato persino dalla Madonna nelle apparizioni di Itapiranga, ad esempio, dove la Mamma Celeste ha proprio un occhio di riguardo per la nostra patria, sede di quella Chiesa di cui ella è Madre e Maestra.

Qui ella chiede con accorato ardore la conversione, spiegando che è proprio il progressivo abbandono delle leggi divine la causa del disfacimento morale del nostro paese, a cui seguirà, inevitabilmente, la catastrofe materiale; poiché ormai non è più questione di evitare il castigo, ma di arrivare almeno preparati ad affrontarlo, senza cioè perdersi eternamente.

“Italia! Italia! Io ti chiamo a Dio! Torna Italia! Perché è ora di essere obbediente al Signore, e donare l’esempio a tutti. Figli miei, perché ancora non mi ascoltate? Perché ancora non vi decidete per Dio? Non perdete tempo, portate a tutti i vostri fratelli i miei appelli materni, portate la richiesta che vostra Madre oggi vi fa. Convertitevi e siate di Dio!” (4 Giugno 2016); “Italia, non avere il cuore così duro, perché un giorno piangerai per non avermi ascoltata, accolta con amore, e rispettata. Basta peccati! Fai penitenza! Chiedi perdono a Dio a causa del tuo cuore indurito come pietra, e della tua incredulità” (6 giugno 2016); “L’Italia e gli Stati Uniti saranno molto presto puniti in modo mai visto. Una grande luce, come un fuoco, sarà visibile nel cielo in Italia, dolore e pianto saranno grandi, e quando questo succederà, solo il Rosario e il mio cuore materno potranno essere la speranza, il rifugio e la protezione per tanti. L’Italia sarà scossa perché gli uomini non hanno saputo rispettare quello che a Dio è dovuto. Non hanno onorato il suo Santo Nome, non hanno obbedito alle sue sante leggi” (13 marzo 2016).

Ed a proposito di “scuotimento” occorre precisare che la Madonna, a Itapiranga, l’otto febbraio del 2009 profetizzò per il nostro paese tre grandi terremoti: uno degli ultimi disegni permessi dalla Vergine raffigura infatti la penisola martoriata da tre sconvolgimenti, uno in Centro Italia, uno al largo del mar Tirreno ed uno a Nord-Ovest.

Ma non solo, proprio a causa della centralità spirituale della nostra terra e lo stato di abbandono della fede nel nostro paese, la Madre di Dio ha ammonito che: “l’Italia sarà invasa da grande violenza e morte, e il sangue verrà versato in tanti luoghi. Molte chiese saranno distrutte, e molti dei miei figli piangeranno amaramente per non avermi ascoltato. A Roma sarà un caos!” (13 luglio 2016) e “sull’Italia arriveranno grandi dolori e persecuzioni, causati da coloro che hanno il cuore pieno di odio e violenza. Pregate per l’Italia, dove si trova la Santa Madre Chiesa, perché i peccati dei ministri di Dio stanno acclamando la Giustizia Divina: il braccio forte e pesante del Signore colpirà quelli che sono infedeli e ribelli, perché cercano solo la lussuria, il potere e il denaro (…) Quando la barca di Pietro correrà grandi pericoli, il demonio si mostrerà con tutta la sua ferocia contro i ministri del Signore e saranno perseguitati in modo mai visto nel mondo. Il mio cuore di Madre è angosciato perché Io parlo ma non mi ascoltano, Io mi manifesto nel mondo ma non credono, ma quando i grandi dolori arriveranno, cosa faranno? Di’ a tutti di tornare, tornare a Dio adesso! Convertitevi! È la vostra Madre dal cuore triste e addolorato che vi parla, che vi chiede e vi supplica, perché Dio mi manda nel mondo per allertarvi” (22 Luglio 2016).

Come si vede siamo alle solite: in tutte le apparizioni dell’epoca moderna la Santissima Vergine implora la conversione ed il ritorno a Dio, altrimenti le conseguenze dell’aver abbracciato il male si abbatteranno inesorabilmente sull’umanità, solo che mentre fino al secolo scorso, incominciando da Fatima, c’era per l’uomo la possibilità di evitare il castigo, ora, a causa del suo incrudimento nell’apostasia, non rimane che una conversione in extremis per non perdere almeno l’anima.

In questo senso Maria ad Itapiranga è chiarissima. Queste apparizioni, che godono del riconoscimento episcopale, presentano la medesima dinamica cominciata a Fatima e che caratterizza anche le altre apparizioni della fine del secondo millennio, ma qui, in particolare, sembra che la Madonna abbia ricapitolato le caratteristiche di tutte le altre sue apparizioni.

Come a Fatima e a Medjugorje, anche qui la Madre di Gesù ha rivelato al veggente dei segreti che riguardano il destino del mondo e della Chiesa, avvenimenti futuri molto gravi che stanno per coinvolgere tutta l’umanità se non si convertirà: quattro eventi che riguardano il Brasile, due che riguardano il mondo intero, due che riguardano la Chiesa ed uno che riguarda specificamente coloro che continuano a vivere una vita di peccato e di empietà, disobbedendo a Dio, e l’ultimo segreto destinato a queste persone è proprio il più doloroso e terribile.

Come a Fatima e a Medjugorje, anche qui la Vergine ha mostrato al veggente le realtà del Paradiso, del Purgatorio e dell’Inferno, perché ne testiomoniasse la concretezza in un tempo, come il nostro, in cui i novissimi sono pressoché dimenticati ed ai quali molti ormai non credono più.

Come a Fatima e ad Anguera, anche ad Itapiranga la Madre Celeste ha rivelato diverse profezie, alcune delle quali si sono già compiute a conferma della veridicità delle apparizioni, come ad esempio quella dello tsunami che ha devastato l’Asia e di cui la Vergine aveva predetto la venuta già negli anni ’96/’97 oppure come le inondazioni che hanno investito l’Inghilterra nel 2007 e di cui la Madonna aveva dato il preavviso ben sette anni prima.

Ultimamente le profezie si sono compiute in uno spazio di tempo sempre più breve ed il veggente al proposito ha spiegato che tali avvenimenti disastrosi sono «solo l’inizio dei dolori» poiché «quello che verrà nel mondo è qualcosa di tremendo e molti non sono preparati perché non pregano, ma vivono costantemente in una vita di peccato lontani da Dio».

Come a Lourdes, a Fatima ed in tutte le altre apparizioni moderne, anche ad Itapiranga sono stati dati dalla Madre di Dio molti segni ai fedeli del luogo ed ai pellegrini: segni nel sole, nella luna, nelle stelle, il profumo di rose, migliaia di conversioni e di guarigioni di persone che hanno bevuto l’acqua della Fonte benedetta dalla Vergine, ma tutti questi miracoli, ha detto la Madonna, non sono stati dati per aumentare la curiosità delle persone, bensì per mostrare la serietà dei suoi appelli.

Appelli che, come si può vedere, ricalcano quei richiami alla preghiera ed alla penitenza che contraddistinguono da più di un secolo oramai le suppliche di questa Madre angosciata per la sorte dolorosa cui i suoi amatissimi figli continuano ostinatamente ad andare incontro: “Giorni difficili stanno arrivando per il mondo intero. In un giorno tranquillo, quando tanti saranno a celebrare i dolori e la passione di mio Figlio, grandi dolori e sofferenze arriveranno sulla Chiesa, e subito tanti dei miei figli cadranno per terra senza vita (…) Lottate contro ogni male pregando il Rosario, e alimentandovi con fede e amore dell’Eucarestia (…) Smettete di peccare! Siate ubbidienti agli appelli che la vostra Madre è venuta a comunicarvi con il suo cuore tra le mani, perché in esso possiate rifugiarvi, perché esso sarà il vostro scudo di difesa contro la Giustizia Divina che si abbatterà fortemente sopra il mondo. Pregate molto per la Santa Chiesa, pregate molto per la conversione dei peccatori, perché se non si pentiranno, per tanti potrebbe essere tardi” (5 marzo 2016); “Ecco la tua Madre Immacolata, che viene dal Cielo, per dirti che è giunta l’ora della conversione immediata dell’umanità, su cui si abbatteranno grandi e dolorosi avvenimenti. Il mio cuore materno è preoccupato e amareggiato dalle spade di dolore. Tanti dei miei figli fanno poco caso, non considerano e deridono i miei messaggi, disprezzandoli e lasciandoli da parte. Che ne sarà di loro quando il Grande Castigo arriverà dal cielo, abbattendosi su di essi? Chi li potrà difendere dalla Giustizia Divina, che colpirà fortemente l’umanità? Io soffro a causa di coloro che rinnegano l’opportunità di convertirsi e cambiare vita. Tanti ciechi si lasciano sedurre da satana, i loro cuori cercano e bramano solo le menzogne e i piaceri del mondo. Quante anime distrutte dal peccato, quanti camminano verso l’abisso eterno, senza pensare un poco all’eternità e pentirsi dei loro sbagli. Questo è il tempo in cui il demonio è riuscito prendere tanto spazio per condurre tanti dei miei figli all’errore e alla morte spirituale (…) Prega figlio mio, prega, e intercedi per il bene della umanità. Il Padre Eterno è sdegnato a causa delle continue offese commesse contro il Suo Divino Figlio. Tanti sacrilegi, profanazioni e oltraggi vengono commessi nel mondo (…) Dolore grande arriverà anche negli Stati Uniti, dove una regione verrà praticamente distrutta. Voglio aiutare i miei figli, voglio proteggerli, che loro trovino rifugio nel mio Cuore Immacolato, che loro chiedano il mio aiuto materno ed Io subito verrò ad aiutarli” (13 Marzo 2016).

E come un’ultima, ulteriore, àncora di salvezza, la Madonna media la richiesta del Padre perché venga recuperata una devozione particolare a quella figura oggi tanto disconosciuta di San Giuseppe: “Figlio mio, Dio desidera che il cuore del mio sposo Giuseppe sia invocato, conosciuto ed amato da tutte le anime. Le famiglie che si consacreranno al suo Cuore Castissimo, otterranno una profusione di grazie dal Cielo e saranno preservate da tanti mali, nonostante la Giustizia Divina stia per abbattersi sopra tutta l’umanità” (19 Marzo 2016), tanto che proprio il castissimo sposo della Vergine, in un messaggio particolare del ventisette ottobre dello stesso anno, ribadisce le parole della sua Immacolata Sposa avvertendo che «quando il mondo si troverà in una densa tenebra, disorientato, senza fede e senza luce; quando le Verità Eterne verranno ancor più disprezzate e pestate, allora il braccio forte di Dio colpirà l’umanità come mai accaduto prima e si sentirà solamente pianto. Venite sotto il mio manto protettore, entrate nel mio Cuore Castissimo, e così sarete protetti durante i tempi della grande giustizia».

E gli avvertimenti della Madre Celeste si fanno via via più circoscritti e dettagliati mano a mano che trascorre l’anno appena passato, segno che davvero il tempo rimasto per decidersi finalmente per Dio oramai sta per scadere (concordemente con tutti gli altri indizi che abbiamo racimolato e cercato di contestualizzare negli articoli più recenti di questo blog): Questi sono i giorni dello spirito delle tenebre, ma il domani sarà il giorno del Signore” (13 Aprile 2016), “Dio è infelice per i peccati del mondo: di tanti ministri che si lasciano guidare dalle loro idee ed errori, rifiutando le verità lasciate da mio Figlio Divino (…) Pregate, pregate molto per saper difendere le verità eterne, senza aver paura di nulla” (16 Aprile 2016), “Questi sono i tempi di grandi avvenimenti per il mondo, per questo Io vengo per aiutarvi a stare più vicini a mio Figlio Gesù, questi sono i tempi per la realizzazione di tante cose che vi ho rivelato nel passato. Tornate a Dio!” (2 Maggio 2016), “Recitate il Rosario ogni giorno, perché è la preghiera che fa scendere grandi grazie dal Cielo sulle vostre famiglie e sopra il mondo intero (…) Io sono venuta a Fatima, Io sono venuta tante volte in Italia, in tanti luoghi, per chiamarvi a Dio, ma i miei figli non mi hanno ascoltata, non hanno voluto credere nella mia presenza materna, e hanno rinnegato tante grazie, che Io desideravo concedere loro (…) Sacerdoti, Dio chiederà conto ad ognuno di voi per il tempo che avete perso, e per non aver salvato anime per il Regno dei Cieli. Dio chiederà conto da tutti i suoi ministri che sono stati infedeli alla loro vocazione, e che non hanno vissuto nella santità come Lui desiderava. Convertitevi e sappiate riconoscere tutto quello che la vostra Madre del Cielo ha realizzato già da tanto tempo attraverso le apparizioni qui e nel mondo intero” (6 Giugno 2016).

Come si diceva all’inizio, la Madonna sembra proprio individuare nel disorientamento della Chiesa la prima causa della propagazione del male nel mondo, costante questa, di tutti i più recenti messaggi dati nelle apparizioni ancora in corso in questi tempi, dove ad Anguera è esplicita nella sua denuncia, ma anche a Medjugorje (dove notoriamente è molto più compassata) ultimamente ha richiamato chiaramente ad un deciso ritorno alla Verità della spiritualità tradizionale, invitando a «lottare e pregare contro il materialismo, il modernismo e l’egoismo che il mondo offre».

Allo stesso modo, ad Itapiranga, ella reclama il primato della vita spirituale nella Verità, che, come afferma perentoriamente «è mio Figlio, e le Sue parole sono eterne e potenti, esse sono vita e luce per le vostre vite. Pregate perché tutti possano accogliere le parole di vita di mio Figlio Gesù. Pregate perché l’umanità non sia sorda e cieca, e si decida a vivere la chiamata che Dio le fa» (8 Giugno 2016), poiché: “Tempi di dolore e lacrime arriveranno, su tutta l’umanità! (…) Molti dei miei figli ora non vogliono saperne del Signore, ma cosa sarà di loro, quando il braccio del Signore si abbatterà sul mondo? Chiedete perdono a Dio dei vostri peccati e siate obbedienti agli appelli che Lui vi fa attraverso me (…) Lottate per essere buoni, per essere figli graditi al Padre Celeste, rimanete nel vostro cammino santo, nei giorni difficili che sono alle porte. La Verità figli miei, difendetela anche se vi costerà tanto. Dio ama la verità, e tutti coloro che cambieranno ciò che Lui ha lasciato, nel giorno del grande giudizio, risponderanno di tutti gli insegnamenti sbagliati, fatti ai suoi piccoli figli che volevano rimanere nel loro cammino santo, e sono stati allontanati (…) La Chiesa attraverserà il suo momento più critico, dove ci sarà grande confusione e divisioni, si vedranno cardinali opporsi tra di loro, vescovi contro altri vescovi, sacerdoti contro sacerdoti, mancanza di fede e grandi sbagli saranno difesi come se fossero grandi verità, ma Dio, alla fine, agirà attraverso il suo braccio potente e fermerà tanta disobbedienza, errori e peccati. Non abbiate paura. Quelli che mi ascoltano cammineranno sempre per la via sicura che porta in Cielo. Con il mio manto vi difenderò e già da ora vi metto nel mio Cuore Immacolato, perché possiate essere di mio Figlio Gesù e benedetti da Lui” (20 Giugno 2016).

E proprio sui moniti alla Sposa del Figlio la Madre calca ultimamente la mano: “Figli, chiedete la Misericordia Divina per la Chiesa, e per il mondo. Tempi oscuri si stanno avvicinando, ma a quelli che servono fedelmente il Signore, Io dico che Lui compirà in essi meraviglie e agirà con potere e gloria in loro favore. Io sono al vostro fianco e vi accolgo nel mio manto Immacolato. Chiedete la protezione di San Michele Arcangelo. Dio lo manda nel mondo, per guidare e difendere i suoi figli. San Michele vi aiuterà a compiere la volontà di Dio, e nei giorni cattivi, lui nel Nome del Signore, apparirà glorioso a tanti per proteggerli e condurli per vie sicure, perché così Dio ha stabilito, per coloro che mi ascoltano e che mi amano. Non abbiate paura, offritevi e affidatevi a Dio” (22 Giugno 2016); “Grandi prove arriveranno nel mondo e la Santa Chiesa attraverserà il suo momento più difficile quando tanti figli prediletti, ministri di mio Figlio Gesù, abbandoneranno le Verità di mio Figlio, portando tanti fedeli sulla via delle tenebre, che conduce alla perdizione eterna. Non offendete più mio Figlio Divino! (…) A causa dei peccati di impurità i castighi stanno per traboccare e la Giustizia Divina la colpirà. Non resterà nei luoghi impuri nessuna pietra, perché il braccio forte di Dio colpirà coloro che sono stati infedeli e con i cuori induriti. Pregate molto, Io vi offro il mio Cuore Immacolato, perché in esso possiate essere protetti in questi giorni che molto presto arriveranno. Accogliete i miei appelli figli miei, ascoltatemi, non peccate più, non ferite il cuore di mio Figlio che sanguina a causa di tanti oltraggi. Pregate! Riparate! Adorate mio Figlio nel Santissimo Sacramento e Dio avrà misericordia di ognuno di voi e del mondo” (13 Luglio 2016); “Una grande ondata di dolore e di persecuzione arriverà nella Chiesa, e molto sangue sarà versato. Molti ministri di Dio e molti consacrati saranno messi nelle mani dei lupi voraci come preda facile, non avranno voce per parlare e per difendersi, perché saranno messi in silenzio, ma Dio tutto vede!” (5 Agosto 2016); “Pregate per la Chiesa, perché attraverserà il suo peggior momento e soffrirà grandi persecuzioni come mai sia accaduto prima! Offrite le vostre preghiere, per impedire le cattive azioni degli uomini posseduti dallo spirito del male! Con il Rosario nelle vostre mani e con la preghiera dell’Ave Maria recitata con fede e amore vincerete il demonio ed ogni male” (13 Ottobre 2016); “Purificate i vostri cuori e le vostre anime con la confessione, affinché possiate essere sempre vigili e preparati” (12 Novembre 2016); “Non siate sordi ed indifferenti alla mia chiamata, un’onda di violenza come mai successo prima sta per colpire tanti dei miei figli e per questo il mio cuore Immacolato soffre tanto. La Chiesa sarà perseguitata come mai sia avvenuto prima e tanto sangue verrà versato nei luoghi santi. Intercedete figli miei, intercedete affinché ogni male sia scacciato il più lontano possibile dalla Chiesa e dal mondo intero (…) Supplicate il perdono e la misericordia del mio Divino Figlio, affinchè Lui abbia ancora compassione di voi e del mondo peccatore. Recitate il Rosario tutti i giorni per la pace nel mondo. Pregate! Pregate! Pregate!” (11 Febbraio 2017).

Ed è inutile nascondersi dietro a un dito, poiché è un’evidenza sotto gli occhi di tutti il travaglio in cui versa la Sposa di Cristo in questi tempi oscuri, tanto che inquietudine assieme forse ad uno spiraglio di luce lascia uno straordinario messaggio dato proprio ad Itapiranga già il ventisette giugno del 2015, quando la Madonna ha mostrato al veggente Edson Glauber un’importante e profetica visione, della quale riportiamo la descrizione fatta da lui stesso senza nessun ulteriore commento, nella traduzione dall’originale in brasiliano: «Oggi Nostra Signora è apparsa con il Bambino Gesù tra le sue braccia. Nella sua mano destra aveva un Rosario che brillava tanto e al suo lato destro c’era San Pietro con un libro e le chiavi e al suo lato sinistro c’era San Paolo, che aveva un libro e una spada. Erano avvolti in una luce, ma non così forte come quella che irradiava da Lei e Gesù Bambino. Sotto di loro c’era il globo che rappresenta il mondo intero.

Durante l’apparizione, il Bambino Gesù chiese a San Pietro di riconsegnargli le chiavi e questi obbedì. Dopo aver riconsegnato le chiavi, San Pietro si mise in ginocchio col capo chino in preghiera. Dove stava lui divenne più scuro, perché la luce che irradiava scomparve, restando chiaro solamente dove si trovavano la Vergine con Gesù e San Paolo.

In quel momento, il globo che era sotto di loro fu circondato da una grande corona di spine che voleva stringerlo tutto. Ho capito che si tratta di tempi difficili che la Chiesa e il mondo dovranno passare: tempi di prove, fatti di oscurità spirituale e di grande confusione.

Nostra Signora, vedendo ciò che stava succedendo – in quanto Madre della Chiesa che vorrebbe la salvezza di tutti – abbassò la sua mano destra verso il globo, e il Rosario, lentamente, si diresse sul mondo, circondando il globo. Il Rosario di Nostra Signora, muovendosi, ruotando intorno al globo, brillava fortissimamente. Ho capito allora che quello era ciò che Ella sta facendo con i suoi figli del mondo intero, i quali credono nelle sue apparizioni e nei suoi messaggi: pregare sempre di più, intercedendo per la Chiesa del suo Divin Figlio e per l’umanità. Il Rosario, più cadeva, più irradiava una fortissima luce, in modo tale da respingere quell’orribile corona di spine dal globo, lasciandola distrutta; rimase solamente il Rosario, come segno di vittoria sul male e sui tempi difficili.

Fu allora che la Madonna guardò San Paolo e questi capì che doveva mettersi anche lui a pregare in ginocchio con San Pietro, così la luce tornò anche da Pietro. Nostra Signora, guardando verso il suo Divin Figlio, pregò in favore della Chiesa e del mondo. Il Bambino Gesù, vedendo che l’umanità si mise a pregare, accolse la richiesta della sua Santissima Madre di dare di nuovo le chiavi a San Pietro, ma il Bambino Gesù mise le chiavi tra le mani di Nostra Signora che, come Madre della Chiesa, le mise in quelle di San Pietro. Quindi Ella ed il Bambino Gesù ci diedero la loro benedizione e la visione terminò».

To be concluded…

Standard
Vita

Una precisazione

Pare incredibile, ma ho scoperto che non solo c’è chi legge quello che scrivo su questa piattaforma virtuale, ma che persino mi considera degno, non dico di prendermi sul serio, ma almeno di commentarmi.
Così ho deciso di rispondere qui a Lisa, che su facebook, a proposito del mio ultimo articolo, mi scrive:

«“È un terremoto, segno di richiamo per tutto il mondo”. Da brava abruzzese, che abita ad uno sputo da L’Aquila e in linea d’aria a 80 km da Amatrice, non posso non soffermarmi su questa frase. C’è una cosa che ho letto sul lastricato di Rieti quando ci sono stata per caso un paio d’anni fa. Umbilicus italiae. L’ombelico d’Italia. Il centro forse geografico, ma forse meglio ancora ideale dell’Italia. E questa cosa continua a tornarmi in mente da fine agosto. Non aggiungo altro, se non: Andrea svuota tutto il sacco il prima possibile… Grazie!»

Carissima Lisa,
innanzitutto sia chiaro: non sono un oracolo, non sono depositario di nessuna missione profetica, di nessun messaggio celeste e non ho neppure una sfera di cristallo (porcazozza!); tutto quello che scrivo è di dominio pubblico, rintracciabile su libri o in rete (ci sono tanti siti cattolici affidabili che approfondiscono molto bene questi stessi temi).

Io tutto quello che faccio è cercare di vigilare nel Getsèmani che è questo tempo, e lo faccio perché come credente sono tenuto a leggere la storia (mia e del mondo) con sguardo profetico, il che significa semplicemente osservarne lo svolgersi alla luce di una realtà oggigiorno ormai dimenticata dai più: quella che ogni evento dell’immanente è saldamente intrecciato da concause che hanno origine nel trascendente, poiché il Dio rivelatosi in Gesù è un Creatore definitivamente impastatosi con le Sue creature e che con esse, di conseguenza, interagisce continuativamente nel mondo invitando ciascuna a perseguire quel destino di salvezza per cui è stata creata.

Noi sappiamo infatti che Egli è Creatore del visibile così quanto dell’invisibile: perciò, anche e forse soprattutto come marito e padre, in questi tempi oscuri mi sento in dovere di scrutare i segni per poter meglio custodire l’anima mia e dei miei cari.

Questo è il motivo reale, molto poco eroico ahimè, per cui mi spendo a raccogliere e cercare di mettere insieme i pezzi che il Cielo dissemina nel nostro tempo.

Poi, visto che già ‘sto sbattimento lo faccio per il mio “orticello”, mi è venuto lo scrupolo di condividerne le conclusioni anche con quei quattro gatti che leggono questo blog, ché tanto, anche se faccio la figura del rimbambito, non c’ho mica una reputazione da difendere io.

Per quanto riguarda il terremoto come ammonimento, invece, non voglio entrare nel merito per il rispetto di quella sofferenza che proprio in questi giorni affligge anche tanti miei cari amici, che come te vivono in quelle zone gravate dalla prova.

Tuttavia ti confesso che a me ha fatto riflettere molto quello che ha scosso il centro Italia a fine ottobre, per via di alcune particolari contingenze: ha fatto crollare case & chiese senza fare nemmeno una vittima, di magnitudo tale da essere avvertito a Roma, è avvenuto il giorno prima del famigerato abbraccio tra il Pontefice regnante e la vescovessa dell’eresiarca, e a Norcia ha lasciato gli astanti contemplare il crollo della Chiesa di san Benedetto

Poi però se uno s’azzarda a parlare di castighi di Dio viene lapidato.

La verità è che l’uomo ha smesso di guardare al Cielo ed è finito a vedere soltanto il proprio misero ombelico, così si è dimenticato di essere null’altro che una fragile creatura: presumendo di essere padrone assoluto di sé quando invece non ha potere di aggiungere nemmeno un minuto al tempo concessogli.

Il fatto è che le tragedie accadono, piccole o grandi che siano, nella vita di ciascuno,  e servono proprio a ricordarci che siamo solo di passaggio su questa terra e che forse le nostre priorità vanno un attimino riviste, chessò, magari attendendo con un po’ più di premura al nostro destino eterno.

E insomma, amica mia, in conclusione io non ho sacchi da svuotare, sono una merdaccia come tutti noialtri, che sente sul cuore il peso di questi tempi bui e sa di non aver nemmeno l’ombra di una possibilità di non soccombere al male se non si tiene attaccato con le unghie e con i denti a Colui il quale il male l’ha già vinto, e già anche così cade un giorno sì e l’altro pure.

Non so cosa succederà, quando e dove: non ho altre risposte che quelle che la Mamma Celeste si sgola da cent’anni e più nel darci (preghiera e Sacramenti per una conversione che dev’essere quotidiana) ed alla cui gonna io mi aggrappo tremebondo, come un bimbo in preda al terrore per la grandezza del male che sovrasta la vita mia e di quei cari per i quali ho risposto alla vocazione di prendermene cura e di cui sono responsabile.

Per questo, Lisa cara, ogni giorno prego Gesù di farci Sua vigna prediletta, ponendo intorno alla nostra famiglia un recinto insuperabile, e di preservarci totalmente da tutti gli attacchi del demonio e delle sue schiere infernali in questo tempo di tenebra.

Standard
Cronache

Una Madre in angoscia

Che poi, tra le altre cose, io dovrei anche dedicarmi alla promozione del mio ultimo libro (quello sulla vetusta ed omofoba questione di una possibile relazione felice tra il maschio e la femmina, avete presente?), ed invece sono ancora qui, per la gioia dei miei editori, a coprirmi di ridicolo blaterando di Madonne & Profezie, secondo quanto promesso nel precedente articolo (che poi non è detto che facendo la prima cosa sarei più serio che operando per la seconda, eh).

Comunque.

Ho giusto sottomano un elenco, aggiornato all’anno duemila, che con certosina acribia conta in numero di cinquecentoquindici le apparizioni mariane nella storia, tra concluse, riconosciute, ancora in corso e non riconosciute, denunciate alla Chiesa, fin da quella prima famosissima a Saragozza dell’anno 40 dopo Cristo, in cui la Santa Vergine (tra l’altro a quell’epoca ancora in vita) appare ad uno sconsolato San Giacomo Apostolo su di una colonnetta (“pilar” in spagnolo) come Madre premurosa per rincuorarlo dalle fatiche dell’evangelizzazione.

La cosa curiosa è che di queste cinquecento e rotti apparizioni, il settanta percento si sono verificate soltanto nel novecento, e questo fa subito pensare, poiché di norma la Madonna soccorre i suoi figli quando questi sono maggiormente a rischio di lasciarsi irretire dalle trame del principe di questo mondo, e, come abbiamo visto in L’anno che verrà, il moltiplicarsi delle occasioni di presenza della Madre di Dio in terra coinciderebbe proprio con quel secolo concesso a satana per operare con scatenata virulenza sui popoli e perfino nella Chiesa.

Tra le apparizioni più importanti del ventesimo secolo, non si può che cominciare con quella di Fatima, nella quale, con chiarezza eclatante, la Madonna traccia le linee guida per tutto il centennio a venire: il richiamo urgente ad un radicale ritorno a Dio, per essere preparati alla battaglia escatologica imminente sotto la protezione del suo manto, mediante quelle consuete armi mistiche con cui solo è possibile la vittoria contro il supernaturale nemico (converisone, preghiera e penitenza).

Inutile parlare dell’ormai stra-noto segreto in tre parti, ovviamente, ma ricordiamo soltanto che esso, oltre a confermare la realtà dell’inferno e della dannazione eterna, mette in avviso sul futuro del mondo e della Chiesa in termini davvero drammatici.

Ed il medesimo tono sarà il filo conduttore che allaccerà tutte le principali apparizioni mariane che costellano l’ultimo secolo del secondo millennio, con tinte di volta in volta più o meno marcate, ma sempre in un costante crescendo mano a mano che ci si avvicina ai tempi in cui viviamo.

Ad esempio, soltanto un anno dopo, la Madonna, nelle apparizioni di Torino alla Venerabile Flora Manfrinati, già esplicita il messaggio dato a Fatima affermando perentoriamente: “Lotto contro il nemico del mondo: il demonio prepara il suo esercito, io le mie schiere di angeli”, e rinnovando l’invito alla conversione ed alla preghiera del Rosario, spiega con chiarezza: “Io sono la Signora dell’Alba. Il mondo e gli uomini sono caduti nella notte oscura. Io sono l’alba di un mattino che spunterà per rischiarare la via agli uomini e portarli all’alba della vera luce”, “Io sono la Regina del Cielo e della terra, ma sono nello stesso tempo la Mamma pietosa di ogni mortale. Lascerò ai miei figli tutta la possibilità e il tempo di convertirsi, ma guai a coloro che resistono! Io sono la Mamma pellegrina, che in tutto il mondo vado in cerca di cuori e di anime, chi vorrà proprio ripudiarmi mi troverà imperatrice e piegherà a terra le ginocchia. A me è stata data la potestà di lottare e di vincere e dopo questa lotta si rinnoverà il fervore” poiché: “È questa l’ora della Vergine Universale. È l’ora del combattimento aperto con il nemico della Chiesa, ma abbiate fede e siate forti. Dappertutto si dice che l’ora del castigo è venuta, ma io voglio dire ancora a tutti che è l’ora dell’estremo amore e della misericordia”.

Nel 1924, a Cernusco sul Naviglio (proprio qui, alle porte di Milano), la Madonna del Divin Pianto appare con Gesù in lacrime tra le braccia a suor Elisabetta Radaelli lamentandosi che: “Il Bambino piange perché non è abbastanza amato, cercato, desiderato anche dalle persone che gli sono consacrate”.

Un delicato messaggio indirizzato in particolare ai sacerdoti in tempi ancora non sospetti e che tuttavia si farà sempre più esplicito, dall’allegoria mostrata dalla Vergine della Rivelazione il 12 aprile del 1947 a Bruno Cornacchiola alle porte della capitale, in quel di Tre Fontane, durante la quale gli mostrò a terra un drappo nero di una talare e sopra di esso una croce spezzata in più punti, spiegando che: “Questo è il segno che la Chiesa soffrirà, sarà perseguitata, spezzata; questo è il segno che i miei figli si spoglieranno”, fino alla palese dichiarazione fatta dalla Santissima Vergine il 31 maggio del 1965 ad Ida Peerdeman, durante le cosiddette apparizioni di Amsterdam in un messaggio destinato a Papa Paolo VI: “La Chiesa di Roma corre il pericolo di uno scisma. Metti in guardia i tuoi sacerdoti. Fagli porre fine a quelle false teorie sull’Eucarestia, i Sacramenti, la dottrina, il sacerdozio, il matrimonio e la pianificazione familiare. Sono stati sviati dallo spirito menzognero e confusi dalle idee del modernismo. Gli insegnamenti e le leggi divine sono valide per tutti i tempi e applicabili ad ogni periodo”.

Avvertimento più che mai attuale.

Come quello dato a suor Agnese Sasagawa, durante le apparizioni del 13 ottobre del 1973 ad Akita, in Giappone, in cui la Vergine Maria illustrò ancora una volta la disastrosa situazione di quella Chiesa di cui ella è Madre e Maestra ammonendo che: “L’opera del diavolo si insinuerà anche nella Chiesa in una maniera tale che si vedranno cardinali opporsi ad altri cardinali, vescovi contro vescovi. I sacerdoti che mi venerano saranno disprezzati e ostacolati dai loro confratelli. Chiese ed altari saranno saccheggiati. La Chiesa sarà piena di coloro che accettano compromessi e il demonio spingerà molti sacerdoti e anime consacrate a lasciare il servizio del Signore. Il demonio sarà implacabile specialmente contro le anime consacrate a Dio. Il pensiero della perdita di tante anime è la causa della mia tristezza. Se i peccati aumenteranno in numero e gravità, non ci sarà perdono per loro”.

A questo punto so che alcuni alzeranno il ditino indice e stortando il naso sibileranno tra i denti che «la Madonna non è così chiacchierina», ma siamo seri: Maria è Donna, Maestra e Madre, e c’è forse personaggio che parla di più di chi appartiene a tutte queste tre categorie?

Il sottoscritto è sposato da sedici anni con una persona che rientra in questo stesso profilo e vi garantisco che non esiste nessun’altra figura sull’intero globo terracqueo che abbia maggiore opportunità (e forse anche ragioni) di parlare di più.

Quindi cari propugnatori di Madonne silenziose, fatevene una ragione: la Santissima Vergine ha tutti i carismi (ed i motivi) per martellare i suoi figli con messaggi, prediche, raccomandazioni e financo minacce, cosa d’altronde perfettamente coerente con il profilo generico di una qualsiasi madre come Dio comanda, da che mondo è mondo.

Ed infatti la Madre Celeste via-via che ci si avvicina all’ultimo ventennio del secolo ventesimo si fa più esplicita e pressante, non solo apparendo con maggior frequenza e più a lungo in più parti del mondo, ma anche indurendo il tono dei messaggi dati, proprio come una Madre che, inascoltata, è in preda all’apprensione per i suoi figli che si ostinano sulla strada della perdizione (e se chi legge è mamma può ben capire come questo comportamento della Madre di Dio sia non solo conprensivo, ma anche più che giustificato).

Così parlando proprio ad un sacerdote, Don Stefano Gobbi, nel settembre del 1987 accoratamente confessa: “Io piango perché la Chiesa continua lungo la strada delle divisioni, della perdita della vera fede, dell’apostasia e degli errori che vengono diffusi sempre di più senza che nessuno vi si opponga. Persino ora, che ciò che ho predetto a Fatima e ciò che ho rivelato là, nel messaggio confidato ad una mia figlia, è sulla via del suo compimento. E quindi, persino per la Chiesa il momento della sua grande prova è arrivato, perché l’uomo dell’iniquità si stabilirà all’interno di essa e l’abominio della desolazione entrerà nel Santo Tempio di Dio”.

E nel novembre del 1990 rincara: “La grande prova é giunta per la vostra Chiesa. Si sono continuati a diffondere gli errori che hanno portato alla perdita della fede. Molti pastori non sono stati attenti, né vigilanti ed hanno permesso a tanti lupi rapaci, vestiti da agnelli, di introdursi fra il gregge a portare disordine e distruzione. Quanto é grande la vostra responsabilità, o pastori della santa Chiesa di Dio! Si continua sulla strada della divisione dal Papa e del rifiuto del suo Magistero; anzi di nascosto si prepara un vero scisma che presto potrà diventare aperto e proclamato. Allora rimarrà solo un piccolo resto fedele, che io custodirò nel giardino del mio Cuore Immacolato”.

Una Madre che se non sapessimo eternamente beata poiché già in perfetta comunione con la Santissima Trinità, diremmo in preda all’angoscia, mentre grida alla prole consacrata che sta straziando il Corpo Mistico del suo Figlio.

Ed è proprio alle porte della Sede Petrina, nell’estate del 1995 in quel di Civitavecchia, ch’ella si consuma in suppliche tanto esplicite da non poter lasciare indifferenti coloro che hanno un minimo a cuore le sorti del mondo e della Chiesa: “Satana si sta impadronendo di tutta l’umanità, e ora sta cercando di distruggere la Chiesa di Dio tramite molti sacerdoti. Non permettetelo! Aiutate il Santo Padre! Satana sa che il suo tempo sta per finire, perché mio Figlio Gesù sta per intervenire. Vi prego aiutatemi non fate intervenire mio figlio Gesù, perché io, vostra Madre, voglio salvare tantissime anime e portarle da mio Figlio e non lasciarle a satana”; “A Roma le tenebre stanno scendendo sempre di più sulla Roccia che mio figlio Gesù vi ha lasciato per edificare, educare e far crescere spiritualmente i suoi figli”; “Figli miei, le tenebre di satana stanno oscurando ormai tutto il mondo e stanno oscurando anche la Chiesa di Dio. Preparatevi a vivere quanto io avevo svelato alle mie piccole figlie di Fatima”; “Cari figli, dopo i dolorosi anni di tenebre di satana, ora sono imminenti gli anni del trionfo del mio Cuore Immacolato”.

Per giungere infine ancora una volta alla Vergine della Rivelazione, che fra il 1999 ed il 2000, oltre mezzo secolo dopo la prima apparizione a Tre Fontane in Roma, lascerà tre ulteriori avvertimenti a quel Bruno Cornacchiola che dipartirà l’anno successivo, e dei quali alcuni brani paiono invero un’estremo appello di incredibile attualità: “Figlioli miei, siete giunti in una situazione cruciale: parlate di tutte le religioni e il gregge aderisce sbandandosi, perché voi sparlate della dottrina di salvezza delle anime. Per questo periscono! Ma io sono mandata dalla Trinità per aiutare voi a salvare anime” (4 gennaio 1999).

All’inizio del messaggio del 14 agosto dello stesso anno, il Cornacchiola sente tremare la terra sotto i suoi piedi, quindi la Madonna gli dice: “Non temere, è un terremoto, segno di richiamo per tutto il mondo”, “Non rigettate le cose sante antiche! E non provocate scismi! Ma lavorate e pregate per l’unità e non per l’unione! Ricordatevi, figli miei, che amare tutti non è fare quello che fanno gli altri, che vivono di errori, di idolatria e di eresia. Queste cose sono da rigettare per non cadere sotto il giudizio di Dio, perché un giorno sarete giudicati. Molti hanno perduto questo concetto di Verità e non si accorgono che camminano e vi fanno camminare sulla falsa via, lontano dalle idee sostanziali della dottrina”.

E nel messaggio del 13 marzo del 2000, la Madre Celeste così conclude: “Figli miei, la salvezza non è riunire tutte le religioni per farne un ammasso di eresie ed errori, ma convertirvi per l’unità di amore e di fede. Non si può costituire una chiesa, poiché la Chiesa è già costituita, per accogliere il pentimento che è nell’errore e nell’eresia. Gli uomini devono vivere la Chiesa e non la Chiesa vivere di loro”, La dottrina della Chiesa è di Cristo, il Verbo mio Figlio, ed io sono Madre della Chiesa. Non cambiate la dottrina, ma cambiate i vostri cuori a vivere essa dottrina per la salvezza vostra e del prossimo che attende impaziente il vostro ritorno alla fonte pura dell’Evangelo”.

To be continued…

Standard
Cronache

Segni nel Cielo

«Un segno grandioso apparve nel cielo: una Donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e, sul capo, una corona di dodici stelle. Era incinta, e gridava per le doglie e il travaglio del parto.»

(Apocalisse 12,1-2)

Il vantaggio di non contare un cacchio è che puoi dire quello che vuoi che tanto non ti si fila più o meno nessuno, così, se sbagli, non hai fatto grossi danni, mentre se c’azzecchi puoi sempre vantarti dicendo (con il tuo bel ditino indice alzato): “Io ve l’avevo detto, ma non mi siete stati a sentire”; il che, detto tra noi, dà sempre una certa soddisfazione.

È il bello di non avere una reputazione da difendere, di godere di quella povertà di spirito che ti rende davvero libero di fronte all’altrui giudizio: un po’ come quei pastori betlemmiti che se ne stavano all’aperto nella notte in cui Nostro Signore venne nel mondo la prima volta, loro malgrado svegli a contemplar le stelle, e per questo sono stati fatti depositari della gloriosa rivelazione.

Tanto quanto quei tre Magi, che anche loro scrutavano il Cielo, proprio in cerca di un segno che confermasse le profezie, e che quando finalmente credettero di averlo trovato non si tirarono indietro, rimanendo nella comodità dei loro osservatori, ma si misero in gioco, prestando fede a ciò che videro nelle stelle, e per ciò furono resi degni della divina manifestazione.

E già che siamo in tema d’Epifania (che per chi ancora non lo sapesse, significa appunto “manifestazione”), mi prendo ancora un po’ di spazio per rilanciare sul piatto della congiuntura dell’anno che verrà, con un’altra singolare curiosità.

Ma prima di sfornare la polpetta occorre fare un piccolo preambolo. Perché se è vero che dar credito agli oroscopi è mera superstizione, è altresì vero che nella storia della Salvezza Dio si è espresso anche col movimento dei corpi celesti, dei quali è pur sempre Re e Creatore, e che perciò talvolta essi si fanno segno della Sua Presenza.

Come d’altronde ci insegna proprio l’episodio evangelico dei Magi, i quali non senza ragione se ne stavano col naso all’insù, ma come molti altri loro contemporanei, erano in attesa del compimento di ciò che era stato predetto proprio per i tempi in cui si ritrovarono a vivere, e perciò vigilavano.

Va detto infatti che, proprio nel centinaio d’anni a cavallo della nascita di Gesù, in Israele, ma non solo, l’attesa della venuta del Messia annunciato dalle Scritture era grandissima. Ed è storicamente appurato che, a partire dall’area compresa tra i fiumi Tigri ed Eufrate, ma in generale in tutta la regione babilonese, gli astrologi attendevano l’avvento di un “dominatore del mondo” che doveva giungere proprio dalla Palestina.

Ecco perché, quando i Magi videro profilarsi nel Cielo una particolare congiunzione planetaria (che né di stella, invero, né tantomeno di cometa si trattava), vi colsero il segno tanto atteso: nell’anno settecentoquarantasette dalla fondazione di Roma, il pianeta Giove, il quale secondo l’astrologia antica era il pianeta dei Re, entrò in congiunzione con Saturno, il pianeta sotto cui cadeva la protezione di Israele, nella costellazione dei Pesci, considerata il segno zodiacale della fine dei tempi, dando origine nel cielo ad un punto di luminosità pari ad una stella brillante e ben visibile su tutta la regione mediterranea.

Secondo la credenza ebraica la venuta del tanto atteso Messia sarebbe coincisa proprio con questa congiunzione, ed evidentemente i Magi questo lo sapevano, visto che proprio all’apparire di questa luce celeste si misero in cammino in cerca del neonato Re.

Detto questo veniamo al nostro di tempo, che come quello in cui visse il terzetto di evangelici astronomi, è parimenti un tempo di fremente attesa, in cui non pochi sono coloro che in silenzio vigilano, cercando tra le pieghe del proprio quotidiano vivere, i segni annunciati da antiche (e moderne) profezie.

E che quello in cui viviamo paia proprio essere il tempo descritto al capitolo dodici dell’Apocalisse, il sottoscritto l’aveva già paventato nel suo primo libro (pagina 481, per gli eventuali curiosi), e a tutt’oggi ne è sempre più convinto.

Così càpita che proprio un mesetto e mezzo fa, il giorno 20 novembre del 2016 (per coincidenza festa di Cristo Re), è iniziato un evento astronomico il quale pare senza precedenti nella storia, che ha visto il pianeta Giove entrare nella costellazione della Vergine e, a causa del suo moto retrogrado, ivi resterà per nove mesi e mezzo.

Il 23 settembre del 2017, quindi, Giove uscirà dalla costellazione della Vergine, lasciando quest’ultima in una posizione del tutto particolare: dietro di essa sorgerà infatti il sole, sotto di essa si troverà la luna, mentre sopra di essa si troveranno disposte, oltre alle consuete nove stelle della costellazione del Leone, anche i tre pianeti Mercurio, Venere e Marte, per un totale di dodici corpi luminosi.

Ora: il fatto che tutto ciò avvenga nell’anno del centenario delle apparizioni di Fatima (apparizioni che, tra l’altro, furono contraddistinte da straordinari segni nel Cielo, come quello del celebre “miracolo del Sole”), a me personalmente fa drizzare le antenne (e i peli sugli avambracci), perché anche ad un rimbambito come me risultano evidenti alcuni collegamenti.

Come ad esempio il fatto che sia proprio Giove, il pianeta dei Re, ad entrare nel corpo della Vergine, rimanendo nel suo “grembo” per il tempo esatto della gestazione di un bambino, e quando il “Re” uscirà dalla Vergine, questa sarà circonfusa dalla luce del sole nascente, con la luna sotto i suoi “piedi” e cinta da una “corona” di dodici “stelle”.

Dunque: sono solo io a vedere in tutto ‘sto popò di “epifania celeste” il riverbero dell’immagine di una “Vergine Trionfante” come quella il cui Cuore Immacolato è descritto nel famoso segreto di Fatima?

E stupisce soltanto me che l’inizio della “gestazione” del “Re” nel grembo della “Vergine”, la quale quindi comincerà a gemere «per le doglie e il travaglio del parto», sia coinciso con il giorno in cui è terminato il pubblicizzatissimo “Anno della Misericordia”?

Che me la ricordo solo io quella dichiarazione di Nostro Signore segnata da Santa Faustina Kowalska nel suo celeberrimo diario in cui Egli sollecita: «Parla al mondo della Mia Misericordia… Questo è un segno per gli ultimi tempi, dopo i quali arriverà il Giorno della Giustizia. Fintanto che c’è tempo ricorrano alla sorgente della Mia Misericordia» (Diario, pag. 309)?

E per inciso: la Donna vestita di sole del Libro della Rivelazione, non è figura soltanto di Maria Santissima, eh, ma anche, ed inscindibilmente, della Chiesa.
Ma di questo magari ne parliamo la prossima volta.

To be continued…

Standard
Cronache, Fede, Vita

Morte e Tasse

Che poi la cosa brutta è che uno alla fine si abitua un po’ a tutto.

Tipo che senti dell’ennesima strage in camioncino e la prima cosa che ti chiedi è per distrarti da che cosa questa volta hanno organizzato lo spettacolino di morte.

Perché ormai sei oltre lo scandalo, ma anche oltre la credulità: troppe le volte in cui il fantomatico Pierino Globale ha gridato “Al lupo! Al lupo!” per non pensare subito che sia un altro teatrino dei potentati per alimentare quella strategia della tensione con cui (fin da quel settembrino undecimo die) aggiogano le nazioni occidentali.

E ti dispiace solo per quei poveretti che hanno reso l’anima a Dio, ma per il resto non cambierai di una virgola il tuo modo di vivere né di pensare, perché ormai non ti si attacca più addosso niente.

Il che è piuttosto triste, perché forse è proprio questo lo scopo ultimo: renderti assuefatto all’angoscia e al terrore, cosicché ogni volta che ti mettono davanti a decisioni improponibili, quali esse siano, non ti senti nemmeno più tanto a disagio nel dovere scegliere il male minore.

A furia di spauracchi, pensi, alla fine nella melma ti ci ritrovi lo stesso, e allora vieni pervaso da questo disperante senso di ineluttabilità: ormai il mondo è colluso a tal punto con il suo indegno principe che ogni stortura pare davvero inevitabile, e finisci non solo per aspettarti il peggio, ma quando questo càpita, non ti scuote neanche più di tanto.

Proprio come la morte e le tasse: il male impera incontrastato e tu non sei che un misero pedone sulla scacchiera, e per quanto tu ti possa dibattere per tentare di  preservare almeno il tuo angolino di umanità, di vita, di famiglia, prima o poi verrai investito dalla piena e spazzato via.

Un po’ come con i Borg di trekkiana memoria: «ogni resistenza è inutile», è solo questione di tempo.

E invece no: ma proprio per un cacchio!

Per quanto spalmato di melma io me ne sbatto e la speranza non me la lascio rubare: perché la mia vita è stata intersecata da Uno che al male ha già schiacciato la testa sotto il tallone, che alla morte gli ha fatto cippirimerlo per conto di tutti e che pure per le tasse gli basta mandare uno dei suoi in riva al lago che gli salta in braccio il pesce con in bocca l’obolo (quando si dice la Provvidenza).

E quindi nulla è ineluttabile, nemmeno il male più strafottente, poiché quest’Uno ha promesso che sarebbe tornato ed io Gli credo, e così Lo aspetto, anche se si fa attendere.

E vorrei tanto rispondere a quelli che “nessuno conosce il giorno, né l’ora” (Cfr. Matteo 24,36) di stare attenti, perché accoccolandosi su di una comoda ignoranza alla fine ci si addormenta e poi il ladro ti sorprende nella notte (Matteo 24,43), e se è pur vero che Lui non ha segnato in calendario l’appuntamento, ci ha pur sempre (e più volte) ammonito di restare svegli e vigilanti, scrutando i segni della Sua venuta come si guarda al ramo del fico, che se butta i germogli l’estate è vicina (Marco 13,28).

Che poi ce lo ha anche detto che i tempi che precederanno il Suo ritorno non saranno contrassegnati dalla fede, ma dall’infedeltà; non dalla ricerca di Lui, ma dall’averLo abbandonato, non da serenità e pace, ma da guerra e tribolazione.

Per questo la mia speranza non può morire, ma anzi viene ancor più ravvivata in questo tempo di Avvento: poiché tutto va male, ma ben venga tutto ciò che concorre ad accellerare il ritorno di Cristo.

Giacché stiamo in terra come in una sala d’attesa ed è poi solo questa la tensione base e primaria del cristiano: alla fine ciò che realmente conta, e a cui tutto è funzionale, è l’incontro con Gesù.

Standard
Cronache

2016

Il bello di avere un blog personale è che puoi scriverci quello che vuoi, ma proprio tutto: non hai stilemi da rispettare se non quelli che ti poni da solo, ma in ogni caso hai sempre la possibilità di andare fuori tema, con qualche pezzo sopra le righe, o, come oggi, “tra” le righe.

Dunque: si aggira sulla rete in questi giorni di passaggio d’anno, questa specie di vignetta che mette in evidenza come il numero 2016, riprodotto specularmente in verticale, somiglierebbe alla scritta Joie, ossia “gioia” in francese.

Riuscito giochetto da intendere come un augurio di un gioioso anno nuovo, suppongo, e non come la versione in lingua romanza dell’auspicio di un altro anno sempre più “gaio”.

Voglio sperare.

Che ultimamente il battàge mediatico di matrice pederasta è divenuto ossessivamente esasperante: in via preventiva ci stanno già facendo il “culo”, tanto che viene da considerare come il tempo in cui viviamo rischi seriamente di passare ai posteri come quello in cui “vaffanculo” mutò da insulto ad auspicio.

Ma vabbé.

Comunque: i pantagruelici abbuffi di queste festività ormai in concludendo mi hanno dato modo di scoprire che, se anche gli abbondanti decalitri di succhi gastrici da me prodotti durante i lunghi semiabbiocchi digestivi abbiano raggiunto e sommerso il mio cervello, questo abbia in realtà la caratteristica di galleggiare, e non solo, ma mi abbia pure permesso (checché ne pensasse la moglie vedendomi apparentemente vegetare in coma gastronomico sul divano) di rimuginare sul tempo appena passato, su quello presente, e su quello prossimo, fino a costringermi ad accodarmi a quanti, alle soglie dell’anno entrante, fanno bilanci, proponimenti ed auspici.

Ecco: per quanto riguarda i propositi, i miei per questo nuovo anno sono di mettere finalmente in pratica quelli fatti per l’anno passato, i quali sono poi retaggio dell’anno prima ancora.

Per quanto riguarda i bilanci, invece, voglio essere positivo e guardare la parte mezza piena del bicchiere: la buona notizia è che finalmente il 2015 è terminato.

Che diciamocelo: è stato un annetto un po’ del cacchio.

Ma d’altronde è un po’ di anni che gli anni non sono più un granché: è triste ammetterlo, ma sembra che ormai non ci siano più gli anni di una volta.

Però almeno siamo sul finire di quel “tempo di Caino” predetto dalla mistica Teresa Neumann che avrebbe visto, a partire dal 1999 e per diciotto lunghi anni, «rovesciare sulla terra ceste piene di serpenti, che strisciavano sulle città e sulle campagne, distruggendo tutto».

E questa pare buona cosa.

Un’altra cosa buona è che sta per finire il mandato del “PremioNobelPreventivoPerLaPace”, la cui augusta ed interminabile presidenza ha beneficato con larghezza le moltitudini (soprattutto i bambini, quelli ancora da nascere) ed i cui pacifici effetti sono ora ben evidenti là, tremendamente vicino a quella piana di Meghiddo di apocalittica memoria, dove sembra proprio che si stiano radunando un po’ tutti i Gog e i Magog della terra per scambiarsi amichevoli e sentiti auguri di buon anno nuovo.

D’altro canto, però, il 2016 fa ben sperare.

Innanzitutto siamo un anno più vicini all’attesissimo centenario delle apparizioni di Fatima, data per cui l’amato Benedetto decimosesto, sei anni or sono, formalmente auspicò «il preannunciato trionfo del Cuore Immacolato di Maria» a coronare finalmente, dopo una greve tribolazione, la concessione al mondo di un periodo di pace.

Certo, il fatto che attualmente la Chiesa veda due Pontefici viventi in contemporanea fa pensare quasi di essere nel tempo dei 2 Papi profetizzato dalla Emmerich (non esattamente il più roseo, in effetti), ma dopotutto questo sarà l’anno della Misericordia, la quale precede sempre la Giustizia, e poiché Dio scrive dritto anche tra le righe storte degli uomini, indipendentemente da ogni umano intento, alla fine, un Giubileo è sempre una bell’àncora di salvezza.

E non importa che in quell’ormai celebre esorcismo del 2013 il maligno fu costretto a preannunciare la minaccia di un gravissimo scisma in seno alla Chiesa: noi non smettiamo di sperare per il meglio ed attendiamo fiduciosi il pronunciamento ufficiale dalla Sede Petrina sui documenti sinodali tanto faticosamente partoriti dal brainstorming episcopale dell’autunno passato.

Che poi la vera aspettativa che pende su questo 2016 è in realtà un’altra, vero?

Ché vogliamo tutti sapere quale sarà la parola ultima della Chiesa su Medjugorje e quest’anno è l’anno buono che ce lo dicono, vedrete.

Anche perché è dal 1980 che ci tormenta quella profezia del mistico turco Hasan Lutfi Shushud (tra l’altro pure inserita nel corposo fascicolo consegnato in Vaticano ed in attesa di giudizio), la quale decreta che «a Roma è stata affidata la grande responsabilità di accettare o rifiutare Maria a nome di tutta l’umanità» perché «se Maria e i suoi piani saranno accettati rapidamente, la sofferenza sarà di breve durata», altrimenti «l’umanità subirà le conseguenze dei piani di satana».

Per cui dài: Ave Maria e avanti, Rosario in mano e Croce sul cuore, che come diceva Brandon Lee ne “il Corvo” (e cito quasi alla lettera): «non può essere duemilaesedici per sempre» (anche se c’ha un giorno in più).

E che Star Wars VII è uscito (ma l’VIII non si sa se farà in tempo, mentre sul IX non ci farei proprio conto).

E che domani è l’Epifania del Signore e Gesù si manifesta.

Per quest’anno ancora solo ai Re Magi, ma l’anno prossimo chissà.

Maranathà.

Standard
Cronache

Vedo nero

“Il mondo si trova in un momento di prova, perché ha dimenticato e abbandonato Dio”.

(La Madonna a Medjugorje il 25 agosto 2015)

Detto fuori dai denti: il tessuto sociale contemporaneo si sta disfacendo sotto i colpi di lama del principe di questo mondo, il quale sembra ormai quasi dominare sulle coscienze anestetizzate e complici dei più.

È infatti un’umanità adolescente quella attuale: inquieta e pruriginosa, presumente onnipotenza, illusa d’essersi emancipata dal Genitore nell’averne abbandonato la casa; concupente una libertà che non le appartiene, incosciente e determinata verso un disegno di annichilimento.

Mentre l’oligarchia promulga leggi mortifere ritagliate su misura contro Cristo, per flagellarne ancora le carni nella prossima (e davvero reale) persecuzione ai suoi discepoli.

Perché il peccato, quando sarà fatto norma, provocherà i cristiani a farsi testimoni della Verità: come quel Battista che additava l’Erode adulterino, con impavida perseveranza, fino ad abbracciare una sorte decollata.

La legge iniqua diverrà spartiacque tra il tiepido e lo zelante, così mi domando: mi schiererò o andrò a nascondermi?

Posso permettermi il dissenso aperto alla menzogna a scapito di mia moglie e dei miei figli, eventualmente privati del consorte e del padre, messo agli arresti per il suo conclamato dissenso?

Come conciliare l’opposizione all’errore con la mia vocazione ad essere marito e genitore presente?

Ma ecco che nell’impasse è il sussurro dell’evangelista a soccorrermi, poiché: “chi avrà perseverato fino alla fine sarà salvato” (Matteo 24,13).

Questa la vocazione originale, precedente a quella sponsale e genitoriale che ad essa sono funzionali e consecutive: come marito, ma soprattutto come padre, mi sento chiamato alla responsabilità di non voler tanto che ai miei figli venga risparmiata la prova (quale vita d’uomo è senza prova?), piuttosto auspico per loro di mantenere intatta con perseveranza la fede nel crogiolo della persecuzione, al fine di perseguire quel destino cui sono vocati fin dal concepimento e a cui io, come genitore, sono chiamato ad educarli, prima di tutto con l’esempio, pur nel rispetto della loro libertà.

E nonostante patisca nelle viscere il gramo orizzonte che si profila davanti a me, sono altresì consapevole che la volontà di Dio è sempre una volontà di bene, anche quando passa per il mistero della croce, e che quindi anche un futuro prossimo di tribolazione sia da intendere più come una dolorosa “medicina”, ormai necessaria per evitare che la ferita suppurante, che l’uomo si è autoinflitto nella propria superba ottusità, vada in putrefazione ed incancrenisca fino al deperimento, ma venga invece “purificata” per poi guarire.

In questa prospettiva le parole di Gesù vanno intese come un incoraggiamento a scrutare, nei segni dei tempi, l’avvicinarsi di una speranza certa di risurrezione oltre l’oramai purtroppo inevitabile “passaggio” crucifero cui l’uomo davvero sembra essersi assiso.

Ciononostante in cuor mio credo che l’arazzo regga ancora, tenuto dai fili che la Madre incessantemente intesse attorno al Cuore immolato del Figlio, il quale una volta di più richiama supplice l’uomo a rinsavire dai propri deliri.

Forse allora questo è ancora il tempo della Misericordia.

Il tempo della Giustizia però è alle porte: incombe il giorno in cui il Creatore lascerà che le sue creature recidano l’ordito perché la trama si disgreghi ed il male, con somma tribolazione, venga disvelato. Cosicché quest’umanità infante, dopo aver sperimentato l’insensata inconsistenza di una vita lontana dalla Verità, rientrata in se stessa, tornerà alla casa del Padre.

Ma l’arazzo non verrà distrutto: allora emergeranno insospettati tessitori, i quali radunati attorno al telaio della Madonna, metteranno nuovamente mano al fuso e all’arcolaio, perché l’incomparabile disegno dell’Altissimo torni a rifulgere sulle pareti della storia.

Standard