Cronache

Il Bastiancontrario

Lo devo confessare: fin da quando ero bambino ho sempre patito un carattere piuttosto incline ad un indomito spirito di contraddizione, tanto che spesso la mia risposta istintiva ad una qualsiasi richiesta era un no.

Crescendo(?), poi, ho faticosamente imparato ad addomesticare questo temperamento reazionario, ma ancora oggi, se debitamente sollecitato, tendo a produrmi in dinieghi ed ostinate contrapposizioni per linea di principio.

Lo sanno molto bene i miei figli, per i quali è nota la regola base per fare richieste al papà (in particolare di natura donatoria) che cita: “più insisti, meno ottieni”.

Regola tecnicamente valida anche per la moglie, ma che ella regolarmente ignora, ottenendo spesso la mia condiscendenza alle sue pretese per sfinimento, dato l’irrimediabile debole che nutro nei suoi confronti.

Pur tuttavia, invecchiando, questo spirito di contraddizione si è ravvivato, e negli ultimi tempi ho avvertito un crescendo di difficoltà a tenerlo a bada, in particolare riguardo alle circostanze di stringente attualità.

Può darsi sia una regressione ad una sorta di infantilismo, oppure una specie di reazionismo di ritorno, ma tutta questa pressante montata di politicamente corretto a me mette l’idiosincrasia addosso e mi fa venire voglia di essere, invece, politicamente scorrettissimo.

Così, ad esempio, davanti al figlio maggiore che mentre mi lavo i denti mi ricorda di chiudere l’acqua per evitare gli sprechi (secondo come l’hanno diligentemente catechizzato a scuola), mi viene voglia di aprire anche quella della vasca ed allagare il bagno.

Oppure se mentre sparecchio la moglie mi raccomanda di dividere le ossa del pollo dalla plastichina del pacchetto dei crackers per gettarli ciascuno nel suo apposito scomparto dei rifiuti, a me vien tanto la voglia di appallottolare tutto insieme e buttarlo nella tazza del cesso.
Per dire.

Davanti alla madre/moglie/suocera che mi suggerisce di non esagerare con il condimento nelle pietanze, a me vien subito la voglia di svuotare la saliera su di un panetto di burro e mangiarmelo in pinzimonio intingendolo in una tazza di olio esausto.

Se mi si viene a parlare dei benefici psicofisici della dieta vegetariana a me scatta subito l’Obelix e mi viene la voglia di prendere un vegano e mangiargli in faccia un cinghiale.
Ancora vivo.

Per non parlare poi delle varie assillanti propagande che colorano la società contemporanea: la mania ecologista mi fa venir voglia di mangiare fesa di delfino ed usare kleenex in pelliccia di cucciolo di foca, l’ideologia gender mi pompa il maschio alpha nelle vene, il Russiagate mi stimola a decorare il frigorifero con le calamite di Putin, la legge Fiano mi spinge la mascella in fuori, mentre le magliette del Che mi fan venire l’olio di ricino alle ginocchia.

Che cosa ci posso fare? Ormai è una sorta di riflesso condizionato: se mi martelli con la monomania pederasta a me sale il Vlad impalatore, se mi assilli con l’accoglienza vado a comprare il filo spinato, se mi asfissi con l’olocausto accendo il forno, se mi opprimi col burka e il ramadam mi scatta subito la crociata.

È la sindrome del Bastiancontrario, quella che davanti all’insistenza dei costruttori di ponti ti fa venire la scimmia del muratore bergamasco, quella che quando senti parlare di misericordia e tenerezza ti cresce dentro il Giovanni Battista tutto scure-ai-piedi-dell’albero e iradiddio, quella malattia per cui l’alleluja delle lampadine ti fa salire la fatwa tridentina, quella che quando qualcuno dice “Lutero” a te viene subito da aggiungere “culo! E culo chi non lo dice!”.

E lo so, lo so, sono brutto e cattivo, avete ragione, ma d’altronde sono un maschio bianco, irredimibilmente etero e convintamente monogamo, cattolico e per giunta con gli occhi azzurri: perciò sono spacciato a prescindere.

Quindi oramai non mi faccio più tanti scrupoli, e quando lo spirito di contraddizione prende il sopravvento non oppongo più molta resistenza, ma lascio che sia, quasi fosse un antidoto naturale alla venefica oppressione del politicamente corretto contemporaneo.

Ah, quasi dimenticavo: per i testimoni di geova ho installato un taser nel citofono.

Standard