Libri

Cose che una donna

Cover

di Claudia Cirami

Ci sono uomini che a dispetto di grandi impegni lavorativi e famigliari sfornano un libro dietro l’altro, e magari hanno pure la ventura di riuscire interessanti: qualcuno li chiama scrittori. Il garbo e la tagliente ironia dell’orafo milanese si riversano stavolta sulla parte rosa del mondo.

Si può scrivere di femminismo medievale?

E qual è, eventualmente, il collegamento con la nostra contemporaneità?

Possiamo trovare le risposte a queste domande nell’ultimo libro di Andrea Torquato Giovanoli.

Il titolo, accattivante e audace, è Cose che una donna – Prontuario di femminismo medievale (Gribaudi 2018).

Per una certa mentalità odierna potrebbe apparire indigesto, irritata com’è dal termine “medioevo” (e da una sua lettura irrimediabilmente pregiudiziale) e ipersensibile alle tematiche che hanno per oggetto le donne.

Eppure il testo rappresenta un’ulteriore tappa nell’indagine, mai scontata, che lo scrittore porta avanti da tempo.

L’oggetto del suo interesse sono differenze e complementarietà dei due generi.

Giovanoli sa che uomini e donne hanno bisogno gli uni delle altre.

Uno dei drammi della contemporaneità è stato convincersi che fosse arrivato il momento per entrambi di procedere separatamente. 

Oggi le donne sembrano più forti.

Gareggiano con gli uomini nel mondo del lavoro e in altri ambiti, sono libere, autonome.

Arrivano ad usare termini infelici per definire l’uomo, ma basta una parola sospetta rivolta al proprio genere per farle gridare al sessismo (la cui perniciosità è reale, ma quasi mai ha a che vedere con le polemiche da social).

In molte situazioni, anche dentro le mura di casa, le donne hanno assunto un ruolo totalmente differente da quello che veniva loro attribuito un tempo.

L’uomo non sembra più importante.

Tuttavia c’è una frase del libro di Giovanoli che fotografa perfettamente il senso della vittoria di Pirro che le donne hanno ottenuto sugli uomini: lo scrittore ci riferisce, con acume, di «un mondo occidentale ormai popolato di tigri di carta che si fingono dominatrici di una mandria di capponi imbelli».

Le donne, infatti, sono solo apparentemente più forti.

In realtà sono creature persino più fragili e confuse di ieri, perché, partendo da rivendicazioni giuste, sono arrivate a lottare tante volte solo per mostrare la loro superiorità sull’altro sesso.

Così facendo, tuttavia, hanno finito per deresponsabilizzarlo, mandando in crisi – in un solo colpo – autostima, autorevolezza, persino virilità degli uomini.

Questo, alla fine, ha compromesso le relazioni tra i due sessi.

Giovanoli chiede: «dopo tutte le battaglie fatte per ribaltare i rispettivi ruoli, siete voi donne più felici? E noi uomini siamo più in grado di soddisfare le vostre aspettative? Le società in cui ci ritroviamo a vivere sono forse più salde e giuste? Adesso finalmente maschi e femmine se la giocano alla pari?». 

Queste domande ci dicono qual è il problema.

C’è un impegno da assumere, ma non è quello che tante donne hanno in mente: non serve combattere per affermare il proprio dominio sul “maschio cattivo”.

Se guardiamo invece il punto di vista maschile, agli uomini non è certo chiesto di schierarsi in una contro-risposta che ci riporti alle epoche in cui alle donne venivano negati vari diritti.

Il vero impegno è cercare un nuovo equilibrio che valorizzi entrambi e consenta di vivere insieme nel rispetto accogliente delle reciproche differenze.

Il libro di Giovanoli si presenta come uno strumento utile per una riflessione costruttiva.

Il femminismo medievale, a cui il titolo si riferisce, non è un tentativo anacronistico di riportare indietro l’orologio: lo scrittore recupera il Medioevo per parlarci di una donna che, in quel tempo lontano, si sentiva bisognosa di protezione maschile ma che, proprio per questo, consentiva all’uomo di esprimere al meglio le proprie qualità.

Egli fa notare alle donne che abitano questo presente complesso che, nei secoli medievali, esse avevano scoperto come parlare con semplicità alla parte migliore dell’uomo.

Questo prontuario, allora, non serve per indossare un costume da castellana e aspettare il proprio cavaliere con atteggiamento sottomesso, ma si caratterizza come un’attenta riflessione su come migliorare i rapporti tra uomini e donne.

Serve per spiegare alle donne il “funzionamento” dell’uomo, agli uomini per capire l’intricata selva delle emozioni femminili, ad entrambi per vivere più felici.

Con ironia e lucidità, lo scrittore milanese ci regala sorrisi e ci stimola a pensare.

Non assume il ruolo del maestro: è più un fratello maggiore che bonariamente richiama le donne a guardare gli uomini con sguardo realistico e, indirettamente, suggerisce a questi ultimi come relazionarsi con le prime.

Entrambi sono colti nelle loro debolezze, ma presentati anche nei loro indubitabili pregi.

Giovanoli attinge molto dalla propria esperienza di marito e padre di più figli.

Esilaranti i siparietti con la moglie, spassosi i racconti familiari: arricchiscono il saggio di quel tocco di vita vissuta che si fa condivisione con il lettore, a cui l’autore mostra la bellezza del matrimonio, pur nelle inevitabili difficoltà quotidiane.

Diviso in tre parti, che corrispondono al passato, al presente e al futuro, il libro è certamente segnato dalla prospettiva di fede dell’autore, che ci ricorda la nostra creaturalità e il nostro essere dipendenti da Colui che ci ha chiamati all’esistenza, l’Unico che ci definisce davvero e che placa le nostre inquietudini.

Questo, tuttavia, non limita la lettura del libro al solo mondo cattolico.

L’esperienza di coppia e familiare conduce lo scrittore ad essere perfettamente a suo agio sia nel descrivere l’uomo e i suoi dinamismi che nel seguire i sentieri dell’animo femminile.

Il suo è un libro che può essere perciò consigliato a tutti coloro che vogliono affrontare il tema delle relazioni tra uomo e donna, siano essi credenti o meno.

Per gli uni e per gli altri, la proposta dell’autore del saggio è significativa.

«L’unica soluzione al disincanto e soprattutto alla delusa rassegnazione – scrive Giovanoli – è mutare il proprio sguardo su di sé e sull’altro: innanzitutto prendendo coscienza di essere per primi difettosi e quindi di dover lavorare inizialmente su se stessi per riconoscere e cercare di venir incontro alle necessità dell’altro, e poi guardando all’altro non cercando le sue mancanze, ma piuttosto dando valore alle sue ricchezze, le quali, se ci faremo caso, sono proprio quelle che riempiono i nostri vuoti».

Lo scrittore ci offre una lezione di vita vissuta, accessibile a tutti, sulla quale dovremmo riflettere (anche sorridendo).

Fra poco sarà San Valentino, è tempo di doni per le coppie: perché non regalare o regalarvi un libro utile?

Cose che una donna vi aspetta.

Standard
Libri

Il mito fatto carta

Mascherina

Narra un’antichissima leggenda che quando vennero creati, l’uomo e la donna furono dotati, oltreché dei normali due, anche di un terzo occhio, di natura spirituale, che li rendeva capaci di scrutare oltre il visibile: al maschio esso dava la capacità di intellìgere il Creato, cogliendone la struttura per comprenderne il funzionamento e, manipolandolo per il bene, gestirlo con responsabilità; alla femmina, invece, quest’occhio interiore donava la capacità di decriptare le creature senzienti, in particolare l’uomo, decodificandone l’essenza per poter gestire con responsabilità la relazione con lui in ordine al bene comune.

Racconta poi la storia (quella vera e misconosciuta), che con il passare dei secoli, ma soprattutto con il sorgere dell’epoca moderna, l’uomo ha via-via perso l’uso del suo terzo occhio poiché sempre più concentrato esclusivamente sull’uso della sua terza gamba, e questo lo ha portato a perdere il senso della propria responsabilità sul Creato, finendo per abusarne: pasticciando con esso perché ormai troppo abituato a pasticciarsi.

D’altra parte anche la donna, in epoca contemporanea, a furia di fare monologhi con la sua vagina ha finito per diventare cieca di quello sguardo che le permetteva di discernere le corrette modalità per relazionarsi con la sua controparte maschile, perdendo il senso della sua comprensione dell’altro nell’abuso prevaricante e manipolatorio delle sue indubbie doti naturali.

Annuncia infine un’antica profezia che quando i tempi saranno maturi le donne torneranno a parlare il linguaggio maschile e, reimparando a rivolgersi all’androceo con la sapienza mai superata di un sano femminismo medievale, potranno ripristinare con esso quella relazione serena e buona che ristabilirà i maschi nel loro primitivo ruolo di mariti devoti e buoni padri di famiglia, rendendoli nuovamente quello che erano in origine: uomini veri.

E ciò avverrà per mezzo di un libro rivoluzionario, che rivelerà nuovamente alle donne tutti i codici per decriptare gli appartenenti al genere maschile della specie umana.

Un imprescindibile prontuario con tutte le password dei maschietti (comprese quelle del pc, del cellulare e soprattutto della carta di credito).

Un manuale d’istruzioni per tornare a prendere il maschio per il verso giusto, cosicché la pianti di depilarsi le sopracciglia e torni a farsi crescere la criniera.

Un libro pieno di cose che una donna segretamente anela di (ri)scoprire.

E che uscirà a novembre.

Standard
Libri

Papà senza controllo

Miniatura PSC

di Maddalena Negri

La nuova fatica letteraria dell’instancabile Andrea è un agile libro di 154 pagine, dal titolo “Papà senza controllo – o dell’essere padri e non Padreterni” (edito da Berica Editrice, per la collana Uomovivo).

In questo suo nuovo volume il nostro autore, saltellando come un elfo da un aneddoto all’altro, parla di paternità e di figliolanza, di vita ordinaria e straordinaria sofferenza, e di molto altro ancora, ma col suo stile avvincente e sbarazzino sempre riesce a rendere edibili anche i bocconi più amari della dura realtà, la quale talvolta rivela l’immaginifica avventura della vita.

Da una prospettiva sempre più matura e consapevole, l’ormai eptapapà affronta il tema della paternità proprio in quei suoi aspetti più ostici da accettare ed ecco che allora ogni capitolo offre un tema diverso e una “perla” da assaporare: il controllo, immancabilmente disilluso dalla realtà; la Verità, che rende liberi, ma impegna anima e corpo; il senso del dolore e della morte, che solo in Cristo possono trovare significato; l’ambizione al Cielo, perché solo puntare in alto fa crescere davvero; la Misericordia Divina, perché un Padre cerca sempre di “aggiustare” ciò che il figlio distrugge; la Divina Giustizia, poiché “la misericordia, disgiunta dalla giustizia non è amore, perché non fa il bene dell’amato”; il valore dell’obbedienza, che nasce da un comando che è sempre dato per amore; l’abbandono fiducioso, che nasce dalla liberante consapevolezza di essere “soltanto creature”; la divina Volontà, per cui dovremmo avere la medesima solerzia dei bimbi all’annuncio in tv del proprio cartone animato preferito; ed infine l’ultimo capitolo, che è un estemporaneo tuffo nel passato dell’autore.

In un susseguirsi di rimandi tra terra e Cielo, il padre terreno guarda a quello Celeste, nel tentativo di imitarne le mosse coi propri figli, nonostante gli svariati limiti imposti dal proprio essere creatura e non Creatore: scopre così come, mentre impara giorno dopo giorno ad essere padre, spesso gli atteggiamenti propri (come di ogni creatura umana) nei confronti del Padreterno assomiglino a quelli dei propri figli verso il loro genitore.

Standard
Libri

Padri migliori e come diventarlo

 

Miniatura PSC

Prima di accingermi alla scrittura di qualsiasi cosa destinata alla pubblicazione, sia esso un articolo od un libro, pongo a me stesso sempre due domande: “Andre, hai realmente qualcosa da dire (d’intelligente, intendo)?”

Ed in caso di risposta affermativa: “Mio caro me-stesso, davvero ritieni che il mondo abbia DAVVERO bisogno di un altro articolo/libro?”

Al che il mio simpatico ed incoraggiante alter ego mi fa sempre segno con gli occhi in direzione dei mattoncini di LEGO, come a spingermi ad una scelta di vita: “Veramente preferisci imbrattare ancora carta anziché impiegare il tuo tempo in qualcosa di veramente proficuo (tipo la costruzione di una casetta medievale o magari di un bel “tie fighter”)?

E spesso, in quella situazione, guardo negli occhi l’amichevole me-stesso in versione motivatore e, dopo un attimo di sofferta riflessione, esclamo con fare solenne e ad un tempo sbarazzino: “E LEGO sia!”.

Capita però che talvolta, in preda ad un impulso d’incoscienza, io mi ritrovi a rispondere malauguratamente sì ad entrambi i due quesiti del mio personale codice deontologico da scrittore, e così finisce che al mondo poi toccherà smaltire altra verbosa “indifferenziata” alacremente prodotta dal sottoscritto.

Così è successo per questo ulteriore mio libro, allo stesso modo in cui sta accadendo giusto ora, caro il mio fiduciosamente ingenuo lettore, per questo insulso articoletto con cui mi appresto alla sua promozione.

E tuttavia, adesso che il libro è irrimediabilmente pubblicato ed acquistabile nelle migliori librerie nonché comodamente on-line, tenendone in mano la copia con dedica alla mogliettina e sfogliandone compiaciuto le tribunizie pagine, confesso che sì: quando risposi positivamente alle due suddette domandone avevo realmente qualcos’altro da dire (di presuntamente intelligente) sull’essere genitori, e che pure credo ancora che il mondo abbia davvero bisogno d’essere modestamente illuminato da un ulteriore mio scritto (se per caso avete sentito anche voi la fragorosa risata del mio sapido alter ego a questa mia ultima affermazione, fate come me: ignoratelo).

Poiché oggigiorno siamo bombardati da ogni parte da messaggi neanche più tanto subliminali che scoraggiano in ogni desinenza possibile la scelta di accogliere e prendersi cura di una nuova vita: la pressione sull’uomo, in particolare sul genere maschile, nel giocare sempre più al ribasso nell’assunzione di doveri e responsabilità in luogo di presunti “diritti” (che nemmeno si possono chiamare desideri, poiché nulla più che insane voglie, terribilmente inclini a diventar, senza soluzione di continuità ed in tempo zero, vizi) è oltremodo asfissiante, tanto da aver ormai assuefatto la mentalità comune a farsi pervicace promotrice di disvalori che soltanto pochi decenni fa sarebbero stati impensabili.

Perciò oggigiorno è tutto un presumersi capaci di ogni traguardo, dimenticando di essere invece ontologicamente difettosi (tanto che accennare ad una natura umana ferita dal peccato originale fa scattare per chi si arrischi il pericolo di rogo immantinente), e l’illusione di avere il pieno controllo di ogni ambito della propria vita, e quindi di poterne disporre a proprio piacimento e volontà, secondo l’umore del momento, è opinione comunemente condivisa, data per scontata su molti aspetti e circostanze del vivere.

Ecco perché al giorno d’oggi scegliere di essere genitori è un vero e proprio atto rivoluzionario, ma anche testimonianza più che mai necessaria per ribadire con resilienza ed una volta di più che no: il destino dell’uomo non è l’estinzione, ma la comunione eterna con il Dio della Vita.

Ecco perché oggi più che mai occorre essere padri (e madri) senza l’ambizione al controllo, sulla propria come sull’altrui vita, ma invece bisogna ritornare consapevoli di essere soltanto, di fronte ai propri figli, creature e non creatori (ché il vero Genitore di ciascuno è un Altro, e l’unica nostra responsabilità e destinazione, come genitori, ma prima ancora come Suoi figli, è il ritorno a Lui).

Perché soltanto smettendo i falsi panni da presunti padreterni avremo la possibilità di accorgerci quanto sia bello e davvero liberante essere soltanto padri che, cercando di vivere nel fiducioso abbandono alla provvidenza di quel Dio di cui agli occhi dei nostri figli siamo primissima immagine, potremo ultimamente accorgerci di quanto dia gioia e pienezza di vita esserGli figli.

E figli amatissimi.

Standard
Libri

Il Panda Oltralpe

couv1-4_panda.indd

Una volta alzatosi dal divano il Panda sembra inarrestabile: c’ha addosso un’inerzia tale che lo ha fatto scollinare oltralpe, dove dalle librerie della Grandeur già occhieggia minaccioso i cugini francesi esortandoli a ritornare veri Galli…

Da alcuni giorni è infatti uscita in francia la versione in lingua d’Oïl de La sindrome del panda per i tipi delle Éditions Des Béatitudes, della cui edizione di seguito proponiamo l’introduzione a cura di padre Michel Martin-Prével.

Prefazione a “Le syndrome du panda”

Sono decenni che la differenza tra uomo e donna alimenta la letteratura, le cronache, gli articoli ed i film, per non parlare poi del best-seller di John Gray: “Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere”, il quale ha fatto sì prendere coscienza – in controtendenza rispetto alla vulgata egualitarista – dell’irrimediabile distanza tra i due sessi e quindi della difficoltà a comprendersi l’un l’altro, ma senza tuttavia avviare una soluzione all’inevitabile relazione divenuta troppo spesso conflittuale tra i mariti e le loro mogli.

Se gli uomini provengono da Marte e le donne da Venere, infatti, lo svantaggio è che questi due pianeti non si incontrano mai e, al di là delle risate che le differenze tra l’uomo e la donna possono generare, questo libro altrettanto umoristico si apre invece ad un ulteriore approfondimento: com’è che gli uomini e le donne hanno tanta attrazione gli uni per le altre?

L’autore di questo divertente saggio è uno di quei papà (di tre bambini) figlio del suo secolo, che racconta le sue riflessioni e le sue esperienze di vita da uomo, da marito e da padre, mescolando la correttezza dell’analisi con l’umorismo della sua situazione di maschio italiano in una società occidentale femminista e androfobica.

Il mistero dell’uomo qui è confrontato con il mistero della donna e gli appartenenti ad entrambi i sessi troveranno in questo libro di che essere piacevolmente intrattenuti da uno sguardo così acuto sui rispettivi generi.

Per questo padre, che riflette ad alta voce, il panda rappresenta il maschio odierno, spalmato sul suo divano, tra birra e TV: l’uomo come specie in via di estinzione «secondo una mentalità dominata da un femminismo radicato, egli sempre una bestia rimane, ma sdentata e con gli artigli monchi ha smesso i panni dell’orso in favore di quelli più comodi e condivisi dell’orsacchiotto. Pover’uomo, fa quasi tenerezza. Proprio come un panda».

Ma ritornando sull’uguaglianza – incredibile geneticamente parlando – e sulle neuroscienze che descrivono la perfetta parità tra uomo e donna, si resta stupefatti da questa meraviglia a forma di cromosoma Y che rende nonostante tutto la differenza ed il fascino del comportamento sessuato.

Ho riso così tanto leggendo queste descrizioni nelle quali davvero ognuno ha la possibilità di ritrovarsi: l’uomo “multiswitch” e la donna “multitasking”, l’uno “input” e l’altra “output”, il cervello maschile con gli emisferi più differenziati, quello femminile con emisferi più interconnessi, l’uomo che sposa la moglie desiderando che non cambi mai e la moglie che sposa il marito con il segreto desiderio di cambiarlo, e, riguardo l’autorità, l’uomo che incute rispetto e la donna che ispira fiducia.

Perché allora impantanarsi nella guerra dei sessi, quando invece il piano del Creatore risulta così chiaro leggendo quel “libretto d’istruzioni” che è la Genesi, riferimento biblico davvero unico destinato ad ogni uomo e donna?

Personalmente ho ritrovato in questo libro-testimonianza gli stessi accenti di verità contenuti nella teologia del corpo e del matrimonio così come proposta dal santo Papa Giovanni Paolo II: la descrizione di Adamo e di Eva, nella promessa fatta loro da Dio, nella svolta incresciosa che hanno preso e che ha reso la loro strada tutta in salita, e infine il loro incredibile riscatto in Cristo, sollecita il nostro autore a fornire all’uomo d’oggi una soluzione per non restare più subordinati ad una figura femminile inappropriata poiché mascolinizzata e a non contrapporsi più alla donna, bensì a spendersi per lei, che semplicemente attende d’essere nuovamente ascoltata e protetta.

Secondo l’autore di questo bel libro, l’uomo ritorna ad essere uomo vero facendosi padre sull’immagine del Padre, nella esempio della Sua autorità esercitata con Giustizia e Misericordia.

Egli esorta perciò gli uomini ad alzarsi dai propri divani, poiché è giunto il momento di riprendersi quel giusto ruolo che le donne si aspettano da loro.

A questo proposito l’autore confessa di aver imparato molto dal suo essere padre per essere un marito migliore, ma forse altri potrebbero fare l’esperienza inversa: impegnarsi a diventare mariti migliori per vivere al meglio anche la propria paternità.

In entrambe le prospettive l’obiettivo è quello di riguadagnare la fiducia dell’altro sesso così da tornare ad incarnare i rispettivi ruoli in una relazione recuperata alla sua originaria complementarità: la Donna di Cana ha saputo dare fiducia al Figlio dell’Uomo, perché Egli manifestasse la Sua autorità e la Donna dell’Apocalisse è stata da Lui protetta da ogni male.

E nell’attuale avanzamento della cultura della morte contro la famiglia, è oggigiorno un bene sentir ridefinire i ruoli specifici dei due generi e rendere vero omaggio quella “natura” – scritta però con la “D” maiuscola – che ha così bene creato l’uomo per la donna e viceversa.

P. Michel Martin-Prével, Communauté des Béatitudes

Per la versione originale leggi: Le syndrome du panda

Standard
Libri

Come la trama per l’ordito

Il Vangelo di Maria - Miniatura

È curioso constatare come, in retrospettiva, alla fine tutti i fili del tessuto trovino il loro posto in una composizione omogenea e coerente: così è stato anche per il modo in cui è nato questo libro.

Tutto è cominciato nella preghiera, durante la meditazione dei Misteri della vita di Cristo: l’esigenza di non perdere nulla di quei pensieri che solo la Parola può sussurrare, mi ha costretto ad annotare ogni cosa, con l’idea di compilare in futuro una sorta di “diario spirituale” a cui poter ricorrere per porre rimedio ai cedimenti della memoria.

Lentamente ha preso corpo un manoscritto voluminoso, sempre più organico, sempre più strutturato. La fatica più grave è stata perseverare nell’impresa e più volte ho invocato l’aiuto celeste per portare a termine un capitolo. Evidentemente la Regina del Rosario non disdegnava l’opera del mio cimento, tanto che alla fine mi son ritrovato tra le mani un libro già pronto. Giunto a quel punto perché non provare a proporlo per la stampa? E la conferma del compiacimento di Maria venne quasi subito, con la proposta di pubblicazione delle Edizioni Segno.

Ora che la tela è composta sembrano volati i due anni trascorsi a scrivere questo libro, tra le pieghe del cui testo, rileggendolo, noto affiorare stralci di esperienza personale: il tocco freddo ed interlocutorio della sofferenza, la gioia appagante delle piccole soddisfazioni, il dibattimento delle fatiche quotidiane, l’esaltante comprensione della beatitudine nel sacrificio d’amore.

Ed oggi che è tolta dal telaio l’opera risulta uno scritto versatile ed originale, che si presta bene ad essere cadenzato nella lettura: proposta personale d’aiuto a coloro che, come me, sono avventurati nell’indagine di quell’affascinante mistero che è Gesù.

Standard