Storie

La porta per il Cielo

E l’inverno ricoprì tutto con il suo manto bianco per permettere alla terra di rinfrancarsi dalle fatiche dell’anno passato. Così essa giacque nella pace silenziosa con la speranza che il freddo non durasse troppo, per non soffocare il germoglio che già riposava sotto la neve.

E quando giunse la primavera il paesaggio esplose in un rigoglioso brulicare di vita e tutto fu fiore, luce e fragranza. La terra crebbe i suoi semi migliori e fornì loro tutto il suo nutrimento, con la speranza che la primavera lasciasse presto posto all’estate, poiché non c’è frutto senza il calore di un raggio di sole.

E così l’estate sostituì la primavera e gli alberi si caricarono di sugoso colore ed i campi divennero d’oro. La terra ormai aveva esaurito tutte le sue risorse per nutrire i suoi figli e si augurava che giungesse presto l’autunno, poiché un’estate troppo lunga significa secchezza e desolazione, mentre l’autunno le avrebbe ridato l’energia per affrontare un altro lungo anno di maternità.

Ed infine l’estate passò il testimone alla stagione delle piogge e del vento, degli alberi spogli e delle foglie crepitanti, dei pascoli sterili e della fauna dimagrita. Il paesaggio si fece brullo ed appassito e mentre tutto intorno vestiva i colori accesi del decadimento, la terra tornava pingue con i resti dei suoi figli e ringraziava la Provvidenza per quella stagione di asperità e tristezza.

Poiché in questo mondo non si vive che per morire ed è solo passando la morte che si vivrà per sempre.

Standard