Vita

Benvenuto a me!

Ok, alla fine ci sono cascato anch’io: mi sono fatto il “Blog” (che, ci tengo a precisarlo, è una pagina virtuale, NON una persona, ché di questi tempi è meglio specificare tutto…).

Ho resistito più che ho potuto, nonostante le pressioni di tanti amici, ma stamattina sono andato a trovare il mio editore ed ecco fatto il danno: perché all’editore, soprattutto se è anche un amico ormai, non puoi mica dire di no tanto facilmente. Perché lui è quello che ti ha caldeggiato ed incoraggiato quando ancora non sapevi che saresti andato oltre il primo libro. Lui è quello che ti ha pubblicato tre libri su quattro e che sta aspettando pazientemente il prossimo (quello che “stai scrivendo” da circa sei mesi pur non avendo ancora davvero digitato una sola lettera sulla tastiera del computer, ma che comunque: “Ho già tutto nella testa, titolo e copertina compresi: è solo questione di aspettare che la moglie vada via un week-end coi pargoli e ti mando il pdf lunedì”). Bé insomma, mi ha talmente tanto motivato la cosa che non ho potuto evitare di prometterglielo: apro un blog tutto mio.

Così eccomi qua a riversare anch’io nell’etere parole, con cadenza imprevedibilmente saltuaria, opinando su argomenti a mio esclusivo gradimento, con l’idea prossima di aggiungere anche immagini e link e filmati e tanto altro spam che qui, se me lo lasceranno fare, troverà finalmente una vetrina (poiché tutto quello che ho già postato sul mio profilo facebook negli ultimi tre anni, non mi sembrava abbastanza).

Smetterò allora di scrivere anche sul blog di Costanza Miriano e sul sito PapalePapale? No (almeno non se non mi cacciano loro).

Smetterò di postare stupidaggini su fb? No davvero, anzi, ho aperto pure un account twitter: così potrò dare maggiore ridondanza alla mia stoltezza.

Smetterò di scrivere libri? No, purtroppo per voi: perché non mi sazia otturare l’etere, ritengo mia precipua missione imbrattare anche il cartaceo, of course.

Ma soprattutto, ed infine: c’era davvero bisogno di un altro insulso blogger in rete?

Certo che no, ovviamente, ma non è che le mie menate posso riversarle addosso tutte e soltanto a mia moglie, no?

Standard